+4 voti
953 visite

1 Risposta

+1 voto
risposta inviata da (900 punti)

All'interno della localizzazione di prodotti digitali, quella dei videogiochi rappresenta una nicchia di mercato interessante. Per inserirsi in questo settore è fondamentale essere, in primis, appassionati di videogiochi e avere una discreta esperienza pratica. In secondo luogo bisogna essere informati sulle dinamiche interne del mercato e consapevoli delle sfide, di tipo sia culturale che tecnico/digitale, insite nel loro adattamento.

Al giorno d'oggi, gran parte dei videogiochi vedono la luce in paesi anglofoni. Localizzarli implica superare le barriere culturali e adattare il prodotto in base alla diversa sensibilità del pubblico di destinazione (che può accompagnarsi anche a politiche di censura).

Per ricreare una piacevole esperienza di gioco sono perciò necessarie molta creatività e doti di transcreation, oltre a competenze tecniche come, per esempio, il saper gestire la presenza di codice e i limiti di spazio dati dalla visualizzazione su schermo.

Per un primo approccio al settore si consigliano i seguenti corsi:

Un'altra strada per inserirsi nel mondo dei videogiochi è quella di diventare prima video game tester, occupandosi di controllare il funzionamento del videogioco quando è ancora in fase di sviluppo per rilevare eventuali bug. Per approfondire l'argomento, si rimanda alle FAQ del seguente sito: https://www.gameindustrycareerguide.com/how-to-become-a-video-game-tester/.

Si segnalano, infine, due blog ricchi di spunti e consigli pratici sulla traduzione videoludica, http://www.localization.it/ e https://algomasquetraducir.com/ (quest'ultimo sempre di Pablo Muñoz Sánchez), e due agenzie italiane specializzate in questo settore della traduzione, http://acidlocalization.com/e http://www.wabbit-translations.it/.

Bibliografia consigliata

  • Bernal, M. (2007a). “Challenges in the Translation of Videogames”. Rivista Tradumàtica n° 5: “La localització de videojocs”. Disponibile all'indirizzo http://www.fti.uab.es/tradumatica/revista/num5/articles/02/02art.htm
  • Bernal, M. (2014). Translation and Localisation in Video Games. London: Routledge.
  • Mangiron, C., O'Hagan, M. Game Localisation: Unleashing Imagination with 'Restricted' Translation. The Journal of Specialised Translation. Disponibile all'indirizzo http://www.jostrans.org/issue06/art_ohagan.php.
  • Muñoz Sánchez, P. (2017), La localización de videojuegos, Editorial Síntesis.
  • O’Hagan, M. & Mangiron, C. (2013) Game Localization: Translating for the Global Digital Entertainment Industry. Amsterdam & Philadelphia: John Benjamins.

Domande correlate

+2 voti
1 risposta 377 visite
+2 voti
0 risposte 44 visite
+2 voti
1 risposta 540 visite
In DiventareTraduttori potrai porre quesiti sul mondo della traduzione e ricevere risposte da altri membri esperti della community.

Registrati o accedi tramite Facebook per entrare a far parte della community.

Scelti per voi

Il traduttore insostituibileWeb Hosting
...